28 settembre. Freddo, freddo, freddo e un sacco d'acqua

28 settembre


Com'è la storia del viaggio bagnato viaggio fortunato? Se è vera, allora Mario e i suoi saranno fortunatissimi perché tanta acqua quanta ne hanno presa oggi dovrebbe bastare per fare il giro del mondo a vela. (E comunque ci fanno notare che non era il viaggio ma la sposa, vabbé..). Dopo la notte passata a Livorno ospiti della Lega Navale hanno ripreso il mare. Prossima tappa Porto Santo Stefano ma più o meno a metà percorso si sentono con Marco che gli sta facendo assistenza meteo e decidono di fermarsi a Punta Ala. Inciso: Marco, detto il Tibi, è il comandante della goletta Oloferne e di meteo ne sa parecchio e pure lui non è che sia uno sgarzulino; ha abbastanza anni da far confusione con i compleanni: due anni fa era convinto di festeggiare il 69mo e si è tutto ringalluzzito quando ha scoperto che erano solo 68. Ma non divaghiamo...
Sotto l'acqua l'equipaggio comincia a prendere il ritmo delle guardie. C'è chi dorme ...


leandro che dormejpg


E chi timona.


Mario al timonejpg


Come sempre succede durante i viaggi su e giù per il Mediterraneo della nostra associazione la parte più noiosa spetta a quelli che sono alla base. Ci sono solo due ore di tempo per trovare un ormeggio a Punta Ala e siccome la Legge di Murphy non perdona scopriamo sul momento che a Punta Ala c'è la regata Il Gavitello ( mannaggia a noi che non controlliamo mai i calendari delle regate) e quindi trovare un posto non è come dirlo. Anche pagando.
Per fortuna c'è Federico che tra i nostri soci è quello che di regate ne sa più di tutti, visto che ha regatato sui Maxi e da qualche anno dirige l'Argentario Sailing Academy.
Parte la telefonata: "Fede, help me. Sto cercando un ormeggio a Punta Ala per Mario..."
Risposta: "Dammi 10 minuti e ti dico"
E quando Federico dice dieci minuti sono dieci minuti.
"Chiama Alessandra Petri, è in contatto con il presidente dello Yc di Punta Ala, cercherà di darvi una mano".
Vi risparmiamo la cronaca del giro di telefonate e email. Alla fine semaforo verde: hanno avuto un posto alla Yc Punta Ala ma quello che più c'è piaciuto è stata la risposta di Alessandro Masini ai nostri ringraziamenti: "Siamo onorati di aver fatto un minimo per una grande impresa. Buon vento a tutti ma soprattutto a Mario e al suo equipaggio di tre generazioni. A presto".
La mattina Mario telefona alla base;
"Come va Mario?"
"Adesso che siamo asciutti meglio, ci siamo fatti una bella dormita". Dietro si sente la voce di Paolo che grida: "Mario andiamo a far colazione, ho fame".
Partono per Porto Santo Stefano dove li aspetta Marcello presidente della sezione della Lega Navale.
Il vento è buono su Lumiere issano randa e fiocco. Si va. 5 nodi di media. Slow sailing.
Alla Base intanto arrivano tante telefonate. La storia di Mario e della sua avventura lo precede. C'è chi chiama dalla Sicilia per darse disponibilità a fare la staffetta, i velisti dell' Unione vela solidale si mettono in lista per fare dei pezzi di strada.
#Forza91 vola sull'onda. Oggi è stata una buona giornata. Alla faccia di quel menagramo di Murphy.