27 settembre. Verso Livorno. Nasce il nome #Forza91

27 settembre

Alle 10,53 Lumiere III molla gli ormeggi da Fezzano di Portovenere. Il progetto ha preso vita, in meno di 24 ore. C'è una rete di sezioni della Lega Navale pronta ad accogliere Mario e il suo equipaggio, c'è una squadra di velisti della Nave di Carta e dell'Unione Italiana vela solidale, pronti a fare la staffetta e a darsi il cambio a bordo, la cambusa è pronta, c'è l'ufficio stampa. Manca però un nome. Riguardiamo le previsioni. Il vento è sostenuto. A quel punto il nome diventa obbligato: #Forza91 .
Tutti sono preoccupati per Mario. Ce la farà? Mario sbuffa e scalpita. "Che aspettiamo ad andare?" continua a chiedere mentre gli altri guardano con un po' di perplessità il Lamma (dio benedica quelli del Lamma).

"Mario, calma, stiamo guardando le previsioni..." gli dicono.
"E che? La gente non navigava quando non c'erano i computer? Basta evitare gli scogli", il ragionamento non fa un grinza. E non è il momento per infilarsi in una discussione sull'evoluzione tecnologica e la sicurezza in mare. Il mondo è cambiato... ci sono i mezzi tecnici che... Mario si è tolto l'apparecchio acustico e non intende ascoltare.
Ultimo controllo al salpancore. Si è bloccato. Paolo si infila nel gavone di prua e Mario gli fa da garzone con elasticità invidiabile, vista l'età.

IMG_6102JPG


Ci prendiamo anche il tempo per un caffè al bar dove salutiamo gli amici di Acquaaria e anche il comandante di Marifari con la moglie che sono lì per un'uscita in barca. La locandina della Nazione di oggi ha uno strillo: "A 91 anni parte per il giro d'Italia in barca a vela".
"L'hanno commentata tutti" ci dice Arianna del chiosco giornali-tabacchi.

Mario non ci fa nemmeno caso e a un certo punto punta diritto verso il pontile: "Adesso basta, andiamo!"
Prua su Livorno. Anzi prue su Livorno, perché nel primo tratto Mario, Paolo e Leandro navigheranno di concerto con la nostra ammiraglia. Come una chioccia con il suo pulcino Oloferne prende il largo.
Mario saluta dal ponte: "grazie per questo ultimo viaggio!" grida.
Una mano sul timone, una sulle palle tutti gli urlano, per l'ennesima volta: "falla finita Mario!".
E lui: "Se pensi di morire, non muori". Se lo dice lui, gli crediamo sulla fiducia.
A Livorno Lumiere III troverà ormeggio alla Lega navale. Fabrizio, il presidente, è una delle nostre certezze dei giri d'Italia. Lui c'è sempre, sorridente, allegro, appassionato e disponibile ad accogliere.

Ecco sul concetto di accoglienza dovremo tornarci in questo viaggio.